Il Pd Bassa Reggiana a Gualtieri contro il nucleare

il nucleare può aspettareIl Coordinamento dei Circoli del Partito Democratico della Bassa Reggiana (costituito dai Comuni di Boretto, Brescello, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Novellara, Poviglio e Reggiolo), con la partecipazione dei Giovani Democratici, ha organizzato per lunedì 21 marzo ore 20.45 presso la Sala dei Falegnami di Gualtieri (Palazzo Bentivoglio) una manifestazione pubblica intitolata “Il nucleare può aspettare …W le energie rinnovabili!”.
La serata, che sarà coordinata da Giammaria Manghi, responsabile degli Enti Locali del Partito Democratico di Reggio nonché sindaco di Poviglio, vedrà come relatori Alessandro Bratti (parlamentare e responsabile Ambiente ed Energia del Partito Democratico dell’Emilia Romagna), Giorgio Penazzi (vice sindaco di Viadana e presidente del Coordinamento Territoriale Antinucleare Viadana), Roberta Mori (consigliere regionale Pd), Mirco Tutino (assessore provinciale all’Ambiente) e Carlo Pasini (dirigente responsabile di Iren Rinnovabili).

La manifestazione, aperta a tutti, segue le iniziative pubbliche che si sono già tenute a Viadana e a Cremona e che hanno visto la partecipazione di numerose persone. Lo scopo di questa iniziativa (la prima che coinvolge in modo coordinato i Comuni posti a sud del Po), oltre che quello di informare la cittadinanza sugli effetti e sui rischi che oggi nel territorio locale può provocare la scelta del nucleare, è quello di mettere in evidenza l’utilità e l’importanza che possono portare anche in tempi brevi le scelte alternative nel campo energetico delle fonti rinnovabili, sia per gli ambiti civili che per quelli produttivi.

Inoltre, attraverso questo confronto pubblico, anche alla luce delle ultime scelte ambientali della Regione, si sente l’esigenza di costituire un coordinamento tra diverse istituzioni locali, col coinvolgimento dei cittadini, di formazioni sociali e associazioni di categoria, rivolto non tanto a perseguire una scelta aprioristica contro il nucleare, ma a sensibilizzare con maggiore incisività il messaggio sull’importanza delle energie rinnovabili e della green economy, considerando anche le diffuse preoccupazioni verso i recenti provvedimenti dell’attuale Governo nazionale, i quali (con l’approvazione del disegno di legge “Sviluppo ed energia”) prevedono la possibilità di “commissariare” quelle Regioni, Province e Comuni che rifiutano le centrali nucleari, indipendentemente dalle opinioni delle comunità interessate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...